Linea Eureka78 purificatori acqua

La filtrazione tende ad escludere le molecole a prescindere dai parametri operativi come la pressione e la concentrazione, mentre l’osmosi inversa genera un meccanismo diffusivo tale che la separazione delle molecole e degli ioni più grandi dipenda dalla concentrazione del soluto, dalla pressione e dalla velocità del flusso dell’acqua.

Ecco perché l’osmosi inversa viene usata per purificare l’acqua di mare e renderla potabile, eliminandone il sale e altri elementi nocivi. Se in passato tale processo in cui vengono usate le membrane semipermeabili veniva solo osservato in laboratorio, presto si è riusciti a
riprodurlo in laboratorio per ottenere l’acqua potabile applicando, appunto, delle membrane asimmetriche dallo strato talmente sottile da fungere come una sorta di ‘pelle’ filtrante.